Le novità del D.L. Aiuti quater

Il Consiglio dei ministri, il 10 novembre 2022, ha varato un nuovo decreto-legge, il c.d. Aiuti quater, che introduce misure urgenti in materia di energia elettrica, gas naturale e carburanti.

Clicca sul link per maggiori dettagli: _Le_novit_del_DL_aiuti_quater

 

 

Sanzioni mancata accettazione pagamenti POS

Il DL PNRR2 ha anticipato dal 1° gennaio 2023 al 30 giugno 2022 la decorrenza delle sanzioni previste per la mancata accettazione di pagamenti elettronici da parte di commercianti e professionisti.

Si riporta di seguito informativa completa: https://www.studiosicilianoadele.it/wp-content/uploads/2022/06/Sanzioni_mancata_accettazione_pagamenti_POS.pdf

Contributo a fondo perduto commercio al dettaglio

Il DL Sostegni ter, convertito in legge n.25/2022, ha previsto l’istituzione di un Fondo finalizzato alla concessione di aiuti, sotto forma di contributo a fondo perduto, a favore delle imprese di commercio al dettaglio identificate da specifici codici ATECO.

Il contributo

Soggetti beneficiari imprese che svolgono in via prevalente un’attività di commercio al dettaglio, identificate dai codici ATECO elencati nella tabella in calce
Requisiti ·         ammontare di ricavi 2019 non superiore a 2 milioni di euro

·         aver subito una riduzione del fatturato nel 2021 non inferiore al 30% rispetto al 2019.

Richiesta contributo dalle ore 12:00 del 3 maggio 2022 e fino alle ore 12:00 del 24 maggio 2022, esclusivamente tramite apposita procedura informatica che sarà predisposta dal MISE
Ulteriori requisiti Alla data di presentazione dell’istanza, le imprese dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • avere sede legale od operativa nel territorio dello Stato e risultare regolarmente costituite, iscritte e «attive» nel Registro delle imprese;
  • non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie;
  • non essere già in difficoltà al 31 dicembre 2019, fatte salve le eccezioni previste dalla disciplina europea di riferimento in materia di aiuti Stato;
  • non essere destinatarie di sanzioni interdittive.
ATTENZIONE! – L’agevolazione è riconosciuta ai sensi e nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Sezione 3.1 del «Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19» di cui alla comunicazione della Commissione europea 2020/C 91 I/01 e successive modificazioni, ovvero, successivamente al periodo di vigenza dello stesso, del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013.
Ammontare contributo L’importo del contributo spettante è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile dei ricavi relativi al periodo d’imposta 2021 e l’ammontare medio mensile dei ricavi riferiti al periodo d’imposta 2019:

60%   Ricavi non superiori a 400.000 euro;
50%   Ricavi > a 400.000 e ≤ a 1 milione di euro;
40%   Ricavi > a 1 milione e ≤ a 2 milioni di euro;
NOTA BENE – Una volta chiuso il canale telematico, qualora la dotazione finanziaria di 200 milioni di euro non sia sufficiente a soddisfare la richiesta di tutte le istanze ammissibili, si procederà a riparto.
Erogazione CFP sul conto corrente indicato nell’istanza

Elenco codici ATECO beneficiari

Gruppi Classi Sottocategoria

ATECO

47.1 – COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ESERCIZI NON SPECIALIZZATI

 

 

47.19 – Commercio al dettaglio in altri esercizi non specializzati 47.19.10
47.19.20
47.19.90
47.3 – COMMERCIO AL DETTAGLIO DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE IN ESERCIZI SPECIALIZZATI 47.30 – Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati 47.30.00
47.4 – COMMERCIO AL DETTAGLIO DI APPARECCHIATURE INFORMATICHE E PER LE TELECOMUNICAZIONI (ICT) IN ESERCIZI SPECIALIZZATI 47.43 – Commercio al dettaglio di apparecchiature audio e video in esercizi specializzati 47.43.00
47.5 – COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ALTRI PRODOTTI PER USO DOMESTICO IN ESERCIZI SPECIALIZZATI 47.51 – Commercio al dettaglio di prodotti tessili in esercizi specializzati 47.51.10
47.51.20
47.52 – Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione in esercizi specializzati 47.52.10
47.52.20
47.52.30
47.52.40
47.53 – Commercio al dettaglio di tappeti, scendiletto e rivestimenti per pavimenti e pareti (moquette, linoleum) in esercizi specializzati 47.53.10
47.53.11
47.53.12
47.53.20
47.54 – Commercio al dettaglio di elettrodomestici in esercizi specializzati 47.54.00
47.59 – Commercio al dettaglio di mobili, di articoli per l’illuminazione e altri articoli per la casa in esercizi specializzati 47.59.10
47.59.20
47.59.30
47.59.40
47.59.50
47.59.60
47.59.90
47.59.91
47.59.99
47.6 – COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI CULTURALI E RICREATIVI IN ESERCIZI SPECIALIZZATI 47.61 – Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati 47.61.00
47.62 – Commercio al dettaglio di giornali e articoli di cartoleria in esercizi specializzati

 

47.62.10
47.62.20
47.63 – Commercio al dettaglio di registrazioni musicali e video in esercizi specializzati 47.63.00
47.64 – Commercio al dettaglio di articoli sportivi in esercizi specializzati 47.64.10
47.64.20
47.65 – Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati 47.65.00
47.7 – COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ALTRI PRODOTTI IN ESERCIZI SPECIALIZZATI 47.71 – Commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento in esercizi specializzati 47.71.10
47.71.20
47.71.30
47.71.40
47.71.50
47.72 – Commercio al dettaglio di calzature e articoli in pelle in esercizi specializzati 47.72.10
47.72.20
47.75 – Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati 47.75.10
47.75.20
47.76 – Commercio al dettaglio di fiori, piante, semi, fertilizzanti, animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati 47.76.10
47.76.20
47.77 – Commercio al dettaglio di orologi e articoli di gioielleria in esercizi specializzati 47.77.00
47.78 – Commercio al dettaglio di altri prodotti (esclusi quelli di seconda mano) in esercizi specializzati 47.78.10
47.78.20
47.78.30
47.78.31
47.78.32
47.78.33
47.78.34
47.78.35
47.78.36
47.78.37
47.78.40
47.78.50
47.78.60
47.78.90
47.78.91
47.78.92
47.78.93
47.78.94
47.78.99
47.79 – Commercio al dettaglio di articoli di seconda mano in negozi 47.79.10
47.79.20
47.79.30
47.79.40
47.8 – COMMERCIO AL DETTAGLIO AMBULANTE 47.82 – Commercio al dettaglio ambulante di prodotti tessili, abbigliamento e calzature 47.82.01
47.82.02
47.89 – Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti 47.89.01
47.89.02
47.89.03
47.89.04
47.89.05
47.89.09
47.9 – COMMERCIO AL DETTAGLIO AL DI FUORI DI NEGOZI, BANCHI E MERCATI 47.99 – Altro commercio al dettaglio al di fuori di negozi, banchi o mercati 47.99.10
47.99.20

 

 

 

Nuovo Decreto Anti-Covid

Salvo sorprese, dovrebbe essere ufficializzato dal Consiglio dei Ministri il nuovo “decreto anti-Covid” che allenterà tutte le misure restrittive fino ad oggi in vigore per la lotta contro il virus.

Il Consiglio dei ministri ha stabilito la roadmap delle riaperture che verrà seguita dopo la fine dello stato d’emergenza il prossimo 31 marzo. Fra le misure maggiormente discusse -e auspicate- è previsto finalmente lo stop al Green pass rafforzato sul lavoro per over 50, insegnanti e forze dell’ordine, nonostante la curva dei contagi sia di nuovo in aumento e si teme un’impennata dei casi nelle prossime settimane.

Green pass rafforzato e obbligo vaccinale

Dal 1° aprile parrebbe venir meno l’obbligo di Super Green Pass sui luoghi di lavoro per gli over 50. Per chi appartiene a questa categoria, resterebbe in vigore l’obbligo di vaccinazione in capo al cittadino, ma sui luoghi di lavoro dovrebbe bastare il certificato base, quindi test o tamponi.

Annullato anche l’obbligo di vaccino per il comparto scuola e quello delle forze dell’ordine, ma non per il personale sanitario e delle Rsa che saranno obbligati ancora fino alla fine dell’anno.

La certificazione al chiuso e all’aperto

Sempre dal 1° aprile per mangiare o consumare un caffè in un tavolo all’aperto così come per le attività sportive, sempre all’aperto, non servirà più alcun green pass: né il “base” né quello “super”.

Potrebbe invece servire ancora il green pass base nei posti dove c’è più assembramento: dagli stadi ai concerti.

Per quanto riguarda le attività al chiuso invece, bisognerà aspettare fino al 1° di maggio: infatti fino al 30 aprile per i servizi di ristorazione al chiuso, per i centri benessere, per le sale gioco, le discoteche, i congressi e gli eventi sportivi al chiuso sarà ancora obbligatorio possedere il green pass rafforzato.

Trasporti e altre attività

Servirà, fino al 30 aprile, il Green Pass base, per i trasporti a lunga percorrenza (treni e aerei).

Non servirà, invece, per tram, metro e bus.

Il Green Pass base resta inoltre fino al 30 aprile per alcune attività come mense, concorsi pubblici, colloqui in carcere e per le visite nelle Rsa.

 

Mascherine

Niente più mascherina all’aperto: l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione viene prorogato al 30 aprile solo per i luoghi al chiuso.

 

Non solo green pass

Anche per gli stadi è finalmente ripresa: dal 1° aprile si torna alla capienza del 100%.

Fra le altre misure che saluteremo troviamo anche la quarantena (derivante dal contatto stretto con un soggetto positivo), persino per i non vaccinati.

Link utili

Sito del Ministero/Certificazione verde COVID-19 – EU digital COVID certificate (Digital green certificate)