Articoli

Bonus formazione 4.0

La Legge di Bilancio 2021 ha esteso il credito d’imposta per la formazione 4.0 destinato alle aziende che investono in attività formative incentrate sulle conoscenze tecnologiche previste dal Piano nazionale Impresa 4.0, introducendo importanti novità che rendono la misura ancora più appetibile.

La legge di Bilancio 2021, ha prorogato, per il biennio 2021/2022, la possibilità di accedere al credito d’imposta per la formazione 4.0.

Il credito d’imposta per la formazione 4.0 è un beneficio fiscale che lo Stato italiano ha deciso di introdurre – tra le agevolazioni fiscali – per sostenere, la trasformazione digitale delle aziende residenti sul territorio italiano. Si tratta di una opportunità vantaggiosa per tutte le aziende, operanti in diversi settori merceologici.

Tutte le imprese, possono beneficiare del credito d’imposta relativo alla formazione 4.0. se in regola con la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e con gli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali (DURC).

Sono escluse le imprese in difficoltà e le imprese destinatarie di sanzioni interdittive.

L’obiettivo della misura è:

  1. acquisizione di competenze 4.0
  2. consolidamento di competenze 4.0

in determinati ambiti:

  • Vendita e marketing, e le attività di formazione potranno essere relative a:

– acquisti; commercio al dettaglio; commercio all’ingrosso; gestione del magazzino; servizi ai consumatori, stoccaggio, tecniche di dimostrazione, marketing, ricerca di mercato;

  • Informatica, in questo caso le voci ammesse possono essere, ad esempio:

analisi di sistemi informatici; elaborazione elettronica dei dati; formazione degli amministratori di rete, linguaggi di programmazione, progettazione di sistemi informatici, programmazione informatica, sistemi operativi;

  • Tecniche e tecnologie di produzione, in cui si contano 88 voci, tra cui:

robotica; sistemi di comunicazione; tecnologie delle telecomunicazioni, idraulica, ingegneria meccanica, lavorazione della lamiera, saldatura, siderurgia, climatizzazione, distribuzione del gas, elettronica delle comunicazioni, ingegneria del controllo.

 

Il credito d’imposta viene calcolato sul costo aziendale del personale dipendente che l’azienda intende formare limitatamente alle ore o alle giornate di formazione.

Rientra nel calcolo del costo aziendale per beneficiare della misura:

  • il personale titolare di rapporto di lavoro subordinato, anche a tempo determinato;
  • il personale con contratto di apprendistato;

Una volta determinato il costo lordo relativo alla formazione del personale dipendente, rapportato alle ore di formazione, dovrà essere applicata una percentuale, individuata in base alle dimensioni aziendali, allo scopo di quantificare la misura del credito d’imposta.

Le percentuali sono le seguenti:

  • 50% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 300.000 euro, per le piccole imprese;
  • 40% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 250.000 euro, per le medie imprese;
  • 30% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 250.000 euro, per le grandi imprese.

Sale al 60% se è rivolto a categorie di lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati.

Oltre al credito d’imposta sul costo di formazione del proprio personale dipendente, dal primo gennaio 2021 è possibile convertire in credito anche altre spese, quali ad esempio:

·         spese di personale relative ai partecipanti alla formazione;

·         spese relative al personale dipendente che partecipa in veste di docente o tutor alle attività di formazione ammissibili; in questo caso, però, le spese ammissibili non possono eccedere il 30% della retribuzione complessiva annua spettante al dipendente;

·         spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) sostenute per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione;

·         costi di esercizio relativi a formatori direttamente connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione. Sono escluse le spese di alloggio, ad eccezione delle spese di alloggio minime necessarie per i partecipanti che sono lavoratori con disabilità;

·         costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione.

Leggi la circolare per maggiori approfondimenti.

Bonus pubblicità 2021

Con la Legge di Bilancio 2021 sono state introdotte novità relativamente al credito d'imposta per gli investimenti pubblicitari 2021-2022

E’ stato previsto che il bonus sarà concesso nella misura unica del 50% dell’intero valore degli investimenti pubblicitari effettuati sui giornali quotidiani e periodici, anche online. Tale novità è stata da tutti interpretata come esclusione dall’ambito applicativo degli investimenti effettuati sulle emittenti televisive e radiofoniche locali e nazionali, analogiche o digitali. Tuttavia, le istruzioni per la richiesta dell’agevolazione, aggiornate a fine febbraio 2021 dall’Agenzia, indicano che per gli investimenti sulle emittenti televisive e radiofoniche locali il credito d’imposta è riconosciuto nella misura unica del 75% del valore incrementale, purché pari o superiore almeno dell’1% degli analoghi investimenti effettuati sullo stesso mezzo di informazione nell’anno precedente.

Maggiori approfondimenti nell’informativa.

Bonus pubblicità 2021

Novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 circa il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari 2021-2022, il quale sarà concesso nella misura unica del 50% delle spese sostenute e senza che sia più operativo il vincolo incrementale.

Legge di bilancio 2021

Legge di bilancio 2021: le misure per famiglie e lavoratori

Riassumiamo in una circolare le principali misure previste dalla legge di bilancio per famiglie e lavoratori:

  • Bonus edilizi;
  • Bonus idrico;
  • Superbonus;
  • Contributo acquisto veicoli elettrici;
  • Contributi affitti residenziali;
  • Contributo acquisto occhiali – lenti a contatto;
  • Contributo studenti universitari fuori sede

… e tanto altro…

Scaricate l’informativa per approfondimenti.